Home Consulenza di Direzione Reengineering dei Processi
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • witeblue style
  • dark style
Reengineeering dei Processi

diagr_reengineering_processi

 

Clicca per approfondire il Reengineering dei processi

 Questa fase, di avvio del progetto, vede coinvolte la Consulenza a diretto contatto con la Direzione aziendale. Finalità di tale momento è quella di condurre una prima analisi delle problematiche emerse nell'organizzazione e di definire gli obiettivi di miglioramento che dal progetto ci si attende 
 E' il gruppo che svolgerà effettivamente il lavoro di analisi e di riprogettazione. E' composto generalmente da non più di dieci persone scelte sulla base della conoscenza dei principali meccanismi di funzionamento aziendale 
In questa fase l'Azienda viene rappresentata come sistema di processi. La segmentazione che viene posta in essere è tra processi primari (legati in modo diretto alla produzione o all'erogazione del servizio primaro dell'azienda) e di supporto (che consentono il funzionamento dei processi primari)
  Una volta che i processi aziendali sono stati identificati e se ne è tracciata una mappa, occorre individuare quali, di essi, debbono essere reingegnerizzati e con quale priorità. Per tale operazione di scelta tre sono i criteri che lo Studio utilizza: la negatività, vale a dire la minore o maggiore presenza di disfunzioni (es.duplicazioni di attività), la criticità e cioè il grado di problematicità ad esempio nell'impatto con i clienti esterni e la potenzialità, che non è altro che il vantaggio che un miglioramento dei processi stessi potrebbe portare al cliente in rapporto ai tempi ed ai costi
 Consiste nello studio dei processi da reingegnerizzare individuandone le logiche di funzionamento. Affinchè il team di progettazione possa procedere è necessario infatti che conosca le prestazioni di ogni singolo processo ed i problemi che ne influenzano il funzionamento 
 Una volta costruiti i processi, viene sviluppata un'analisi quantitativa volta a stabilire il valore dello stesso. Al fine di determinare il valore si procede ad un'analisi del costo unitario di ogni attività contenuta nel processo attribuendo le risorse (personale, energia, materiali ..) utilizzate ed il relativo consumo.  Le Matrici di Controsequenza che forniscono una stima di quanto il processo contribuisce al raggiungimento degli obiettivi aziendali, sono senz'altro uno strumento importante in questa fase
 E' lo studio di come i medesimi processi funzionano nelle aziende di maggior successo del medesimo gruppo merceologico 
 Corrisponde alla definizione delle attese di performance in termini di valore del processo nella sua globalità e per singola attività. Tale definizione permetterà di controllare a posteriori l'efficacia della reingegnerizzazione e l'efficienza dei processi 
 E' la fase di reengineering vera e propria, che può assumere la forma della revisione delle strutture gerarchico funzionali o dei ruoli ma che più spesso si incentra sulla revisione dei meccanismi di coordinamento tra le unità funzionali quali il sistema di decisione e di delega, il sistema di pianificazione e coordinamento ed il sistema di controllo e valutazione dei risultati 
 Se pur condotti con cura ed attenzione, alcuni interventi di reingegnerizzazione rischiano di non venir accettati e condivisi da coloro che si trovano a vivere il cambiamento venendo in qualche caso osteggiati e respinti come dei corpi estranei. Alla base di tali reazioni vi sono vissuti aziendali spesso derivati dalla storia individuale ma molto più frequentemente formatisi per effetto delle percezioni collettive dell'organizzazione, che vanno a costituire ciò che in gergo viene chiamato il "clima" aziendale. Onde evitare tali reazioni di rigetto, lo Studio propone in genere un piano di comunicazione e di formazione  volto a favorire la diffusione delle informazioni e la riflessione sulla necessità dei cambiamenti proposti  
E' forse la fase più delicata per le inevitabili difficoltà che ad un cambiamento di processo si legano. Fondamentale in questa fase, così come nelle fasi più avanzate di gestione, è la funzione del Process Owner per il supporto da questo fornito nell'eliminazione degli intoppi e difficoltà di avvio e di funzionamento 

Il nostro approccio al Reengineering dei Processi

E' un intervento che viene in genere proposto dallo Studio a quelle aziende ad alta esposizione di mercato, che si trovano nella necessità di rendere i loro processi di produzione e fornitura dei prodotti/servizi più dinamici e competitivi in rapporto alla concorrenza. Diverso rispetto al reengineering delle strutture, più centrato su organigrammi e ruoli, tale tipo di intervento ha la finalità di ridefinire i processi di lavoro in funzione di una maggiore efficacia eliminando la burocrazia e gli intoppi che spesso rallentano o danneggiano qualititativamente il risultato. Per raggiungere tale finalità, lo Studio propone un flusso di lavoro articolato su otto passi che prevede, oltre che la ridefinizione dei processi sulla base degli standard di competizione di mercato (benchmarking), l'avvio di un piano di change management volto a ridure le possibili resistenze che un intervento top - down, come questo, potrebbe generare.